Archivio

Archivio Agosto 2003

Al compositore estone Arvo Part il quinto Trofeo di composizione "Seghizzi"

23 Agosto 2003 Nessun commento


ASSEGNATO AL COMPOSITORE ESTONE ARVO PÄRT
IL QUINTO PRESTIGIOSO TROFEO DI COMPOSIZIONE SEGHIZZI EDIZIONE 2003

La commissione artistica del concorso internazionale di canto corale ?C.A. Seghizzi?, presieduta da Andrea Giorgi e composta da Pierpaolo Scattolin, Mauro Chiocci e Italo Montiglio ha deciso di assegnare il quinto Trofeo di composizione ?Seghizzi? al compositore estone Arvo Pärt per il suo rilevante contributo creativo alla musica corale. Il musicista estone ha espresso il proprio gradimento per questo importante premio, che in precedenza era stato assegnato a Goffredo Petrassi, Bruno Bettinelli, Roman Vlad e Carlo Florindo Semini. Il trofeo è stato consegnato direttamente e personalmente ad Arvo Pärt domenica 6 luglio 2003 nel Teatro Verdi di Gorizia nel corso della serata conclusiva del 42° concorso internazionale di canto corale ?C.A. Seghizzi?.

Dopo la proclamazione ufficiale da parte del Presidente dell?Associazione Seghizzi prof. Italo Montiglio e la consegna di un prezioso quadro riproducente una scena tratta da codici miniati medievali, il M° Arvo Part ha preso brevemente la parola ringraziando per l?assegnazione del Trofeo e, con apprezzata ironia, ha concluso di non capacitarsi come mai proprio a Lui sia toccato questo onore, visto che nell?area fra l?Estonia e Gorizia i compositori non mancano. Questo riconoscimento è particolarmente importante perché con esso l?Associazione “Seghizzi? si apre al mondo estero della composizione contemporanea con uno dei suoi più significativi attuali rappresentanti. Il nome di Pärt è infatti ampiamente noto in ambito musicale e non solo nel settore corale . La sua musica è il risultato di molteplici, diversificate e travagliate esperienze, che vale la pena ricordare in sintesi per poter meglio apprezzare questa nomina ed il suo destinatario.

Arvo Pärt è nato a Pride in Estonia nel 1935. Gli studi musicali di Pärt cominciarono nel 1954 alla Scuola Media Musicale di Tallinn, interrotti meno di un anno dopo per adempiere all?obbligo del Servizio Nazionale come oboista e batterista in una banda dell?esercito. Tornò alla scuola media per un anno e successivamente si iscrisse al Conservatorio di Tallinn. Pärt iniziò contemporeamente a lavorare come tecnico di registrazione per la Radio Estone, scrisse musica per il teatro e ricevette numerose commissioni per colonne sonore di film. Già durante il periodo di studi poteva essere considerato dunque un compositore professionale.

Vivendo nell? ex Unione Sovietica, Pärt ebbe informazioni limitate su ciò che stava accadendo contemporaneamente nella musica occidentale, ma, nonostante questo isolamento, nei primi anni ?60 numerose furono le nuove sperimentazioni compositive e Pärt fu tra questa avanguardia. Il suo Nekrolog del 1960 fu la prima composizione estone ad usare la tecnica seriale (dodecafonica). Durante la metà degli anni ?60 continuò con il serialismo in pezzi come Prima e Seconda Sinfonia e Perpetuum Mobile ma, ultimamente stanco di questa rigorosità si mosse verso la sperimentazione in lavori come Collage su B-A-C-H, usando tecniche di collage.

I giudizi ufficiali sulla questa musica di Part erano piuttosto contrastanti. Questo segnò la fine delle sue composizioni a collage e, dopo di esse, Pärt scelse di entrare nel primo di una serie di periodi di silenzio contemplativo, impiegando il tempo per studiare musica corale francese e franco-fiamminga dal XIV al XVI secolo. In questa fase di transizione, agli inizi degli anni ?70, scrisse solo alcune composizioni.

Pärt ritornò al silenzio che si era autoimposto e durante questo periodo riprese a cercare nel medievalismo e nel canto gregoriano fino alle origini della creazione musicale. Riemerse nel 1976 con una trasformazione talmente radicale da rendere la sua musica precedente quasi irriconoscile allo stesso compositore. La tecnica che inventò o, forse meglio, scoprì e alla quale rimase fedelissimo, la chiamò tintinnabuli (dal latino, piccoli campanelli), che così descriveva:?ho scoperto che è già sufficiente quando un singolo suono è eseguito in modo perfetto e bello. Costruisco con materiali primitivi, con la triade, su una sola specifica tonalità. Le tre note della triade sono come campanelli ed è per questo che l?ho chiamato tintìnnio?.

La sua musica iniziò ad essere eseguita anche in Occidente, mentre egli si stava ancora battendo contro la burocrazia sovietica. Nel 1980 la continua frustrazione lo costrinse ad emigrare con la moglie e i suoi due figli. Non riuscirono mai nell?intento di stabilirsi in Israele, ma con l?assistenza del suo editore in Occidente, si stabilì inizialmente a Vienna, dove acquisì la cittadinanza austriaca. Un anno dopo, ricevuta la borsa di studio dall?Accademia Tedesca di Scambi, si trasferì a Berlino Ovest, dove attualmente vive.

Dopo aver lasciato l?Estonia, Pärt si concentrò sulla composizione di testi religiosi per diversi organici. Lavori di grande respiro includono la Passione secondo S. Giovanni (1982), Te Deum (1984-86, rev. 1993) e Litany (1994). Le composizioni per coro a voci miste quali, ad esempio, Magnificat (1989) e le Beatitudini (1990) hanno ottenuto grande favore tra i cori di tutto il mondo. Pärt si dedica inoltre con crescente interesse a composizioni per orchestra d?archi ed ensemble cameristici. L?attività musicale di Pärt, nel suo sessantunesimo anno d?età è stata sancita ed onorata dalla nomina a membro dell?Accademia Americana di Arti e Lettere.

Da questi sintetici cenni si può dunque comprendere la motivazione dell?assegnazione del Trofeo Seghizzi 2003 e lo spessore culturale e musicale del compositore a cui è stato assegnato e che la città di Gorizia ha avuto l?onore di ospitare in luglio.

Risultati del 1° concorso internazionale di composizione corale "Seghizzi" 2003

17 Agosto 2003 Nessun commento

I RISULTATI DEL 1° CONCORSO INTERNAZIONALE DI
COMPOSIZIONE CORALE “C. A. SEGHIZZI” 2003

Entro la data del 14 giugno 2003 sono pervenuti alla segreteria del concorso 53 lavori. Questi materiali sono stati inviati ai componenti della giuria internazionale coordinata da Pierpaolo Scattolin (Bologna) e composta da Andrea Giorgi (Trieste), Piero Caraba (Roma), Mauro Chiocci (Perugia), Italo Montiglio (Gorizia) e Eugeniusz Kus (Stettino ? PL). Dal 3 al 6 luglio la Giuria si è riunita a Gorizia integrando il proprio organico (per consulenza) con componenti della giuria del 42° Concorso Internazionale di Canto Corale “C. A. Seghizzi”.

Esaminati con particolare attenzione i lavori presentati e dopo approfondito dibattito, la giuria ha selezionato le seguenti opere:

1. “Jubilate Deo” codice di identificazione 2003614
2. “Ave Maria” codice di identificazione E92MNSJ
3. “Per i morti della Resistenza” codice di identificazione 0141969
4. “Magnificat” codice di identificazione SJ50DMQ
5. “La moglie di sapone” codice di identificazione ABG1957
6. “Chanson D?Automne” codice di identificazione 015W799.

Sono state quindi aperte le buste allegate alla partiture e si è proceduto all?identificazione dei rispettivi Autori, qui di seguito rispettivamente indicati:

1. Pietro Ferrario (Parabiago MI – Italia)
2. Michele Josia (Roma – Italia)
3. Enrico Blatti (Roma – Italia)
4. Giuseppe Cappotto (Cuneo – Italia)
5. Andrea Basevi (Genova – Italia)
6. Eduardo Andrés Malachevsky (Massy ? Francia)

A norma del regolamento la seconda fase del Concorso prevede che queste partiture siano proposte nel regolamento del 43° Concorso Internazionale di Canto Corale “C. A. Seghizzi” 2004 come brani a libera scelta per l?epoca contemporanea. Nella terza fase del Concorso di Composizione la Commissione Artistica e la giuria internazionale del 43° Concorso Internazionale di Canto Corale ?C. A. Seghizzi? assegneranno il Trofeo di composizione “C. A. Seghizzi 2004″ all?Autore di una di queste composizioni, se effettivamente selezionate ed eseguite nel concorso corale da uno dei cori partecipanti, indipendentemente dalla classifica del coro esecutore. Il vincitore sarà inoltre invitato a far parte delle giurie dei concorsi di canto corale e composizione nel 2005 e acquisirà il diritto di stampa per la composizione, rimanendo proprietario e titolare dei diritti della medesima, fatto salvo il diritto per il Comitato Organizzatore di stampa e di uso gratuito di copie delle partiture per i cori che intendano iscriversi al 43° Concorso Internazionale di Canto Corale. Le altre composizioni segnalate ed eseguite in concorso potranno fregiarsi del titolo di finaliste del Trofeo di Composizione ?C. A. Seghizzi? 2004.

Gli Autori delle opere selezionate saranno invitati a presentare le loro composizioni nell?ambito di una sessione speciale del 35° Convegno Europeo di studi sulla musica corale nel luglio del 2004.

Mercoledì 23 luglio 2003 la segreteria del concorso ha proceduto ad identificare gli Autori delle opere che non sono state selezionate, per consentire la loro archiviazione e catalogazione nella Biblioteca di musica ?C. A. Seghizzi?.

1st International Competition of Choral Composition
?C. A. Seghizzi? 2003

By 14th June 2003 the secretariat of the competition received 53 compositions, the list of which is enclosed herein as document A. The received materials were then sent to the members of the International Jury coordinated by Pierpaolo Scattolin (Bologna) and made up of Andrea Giorgi (Trieste), Piero Caraba (Roma), Mauro Chiocci (Perugia), Italo Montiglio (Gorizia) and Eugeniusz Kus (Stettino ? PL). From 3rd to 6th July the Jury met in Gorizia and supplemented their staff with members of the Jury of the 42nd International Choral Competition ?C. A. Seghizzi? (for advice reasons).
After having examined the submitted compositions with great attention and having much discussed, the Jury selected the following works:

1. ?Jubilate Deo? identification code 2003614
2. ?Ave Maria? identification code E92MNSJ
3. ?Per i morti della Resistenza? identification code 0141969
4. ?Magnificat? identification code SJ50DMQ
5. ?La moglie di sapone? identification code ABG1957
6. ?Chanson D?Automne? identification code 015W799

The envelopes enclosed to the scores were opened and the relevant Authors, who are hereinafter listed, were identified:

1. Pietro Ferrario (Parabiago MI – Italia)
2. Michele Josia (Roma – Italia)
3. Enrico Blatti (Roma – Italia)
4. Giuseppe Cappotto (Cuneo – Italia)
5. Andrea Basevi (Genova – Italia)
6. Eduardo Andrés Malachevsky (Massy – Francia)

According to the regulations the second phase of the Competition states that these scores shall be inserted in the regulations of the 43rd International Choral Competition ?C. A. Seghizzi? as free choice pieces for the contemporary period. In the third phase of the Competition of Choral Composition the Artistic Board and the International Jury of the 43rd International Choral Competition ?C. A. Seghizzi? will award the Composition Trophy ?C. A. Seghizzi 2004? to the Author of one of these compositions, provided that they have been actually selected and performed by one of the choirs during the Choral Competition and without considering the classification of the performing choir. Moreover, the winner will be invited to be a member of the Jury for the Choral Competition and of the Jury for Composition in 2005. He will also acquire the print rights for the winning composition and hold the exclusive rights upon it, except for the right of the Print Organising Committee and the free use of the copies of the scores by the choirs who want to apply for the 43rd International Choral Competition. The other compositions performed during the competition can bear the title of finalists of the contest for the Composition Trophy ?C. A. Seghizzi? 2004.

The Authors of the selected works will be invited to present their compositions in a special session of the 35th European Conference on Choral Music Education in July 2004.

On Wednesday 23rd July 2003 the secretariat of the competition proceeded to identify the Authors of the works which were not selected in order to catalogue and place them in the archives of the Library of Music ?C. A. Seghizzi?.

I cantanti vincitori del 9° concorso internazionale di canto cameristico "Seghiz

17 Agosto 2003 Nessun commento


I VINCITORI DEL 9° CONCORSO INTERNAZIONALE DI CANTO CAMERISTICO
?C.A. SEGHIZZI? (Gorizia, 30 giugno ? 3 luglio 2003)

1° Frauke Thalacker (Germania) nella foto
2° Sarah Ferede (Germania)
3° Jong-Soo Ko (Corea del Sud)
4° Melanie Claudia Horner (Germania)
5° Viviana Manisco (Italia)
6° Robbert Muuse (Olanda)

PREMI SPECIALI

PREMIO PER IL MIGLIOR PROGRAMMA MUSICALE
Viviana Manisco (Italia)

PREMIO DEL PUBBLICO
Robbert Muuse (Olanda)

PREMIO PER IL MIGLIOR PIANISTA
Anette Fischer ? Lichdi (Germania)

PREMIO RAI PER LA MIGLIORE ESECUZIONE DI MUSICHE DI AUTORI REGIONALI
Robbert Muuse (Olanda)
Per l?esecuzione di musiche di Cecilia Seghizzi

WINNERS OF THE 9TH INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC COMPETITION
?C.A. SEGHIZZI?

1° Frauke Thalacker (Germania)
2° Sarah Ferede (Germania)
3° Jong-Soo Ko (Corea del Sud)
4° Melanie Claudia Horner (Germania)
5°Viviana Manisco (Italia)
6° Robbert Muuse (Olanda)

SPECIAL PRIZES

PRIZE FOR THE BEST MUSICAL PROGRAMME
Viviana Manisco (Italia)

AUDIENCE PRIZE
Robbert Muuse (Olanda)

PRIZE FOR THE BEST PIANIST
Anette Fischer ? Lichdi

RAI PRIZE FOR THE BEST PERFORMANCE OF COMPOSITIONS FROM REGIONAL AUTHORS
Robbert Muuse (Olanda)
For the performance of compositions from Cecilia Seghizzi
Riferimenti: Seghizzi Home Page

Risultati del 42° concorso internazionale di canto corale "Seghizzi" 2003

17 Agosto 2003 Nessun commento

RISULTATI DEL
42° CONCORSO INTERNAZIONALE DI CANTO CORALE
?SEGHIZZI? 2003

RISULTATI I CATEGORIA
polifonia programma storico

1 NON ASSEGNATO
2 STADTISCHE SING- UND MUSIKSCHULE (Germania) 87,8
3 CANTEMUS CHILDREN?S CHOIR (Ungheria) 81,8
4 VOKAL NORD (Norvegia) 80,8
5 KANTOREI GRAZ (Austria) 80,2

RISULTATI II CATEGORIA
poligonia programma monografico

1 VOKAL NORD (Norvegia) 92,8
2 PIEDMONT CHILDREN?S CHOIR (USA) 90,2
3 HODEIERTZ (Spagna) 85
4 STADTISCHE SING- UND MUSIKSCHULE (D) 84
5 INSIEME VOCALE VOX CORDIS (Italia) 83,2

RISULTATI III CATEGORIA
Gruppi Vocali

1 NON ASSEGNATO
2 CANTO ARMONICO (Ungheria) 88,4
3 RING AROUND QUARTET (Italia) 86,8
4 MRS. DARCY (Olanda) 86,4
5 A? LA CARTE (Norvegia) 83,6

RISULTATI IV CATEGORIA
musica policorale

1 VOKAL NORD (Norvegia) 93
2 CANTEMUS CHILDREN?S CHOIR (Ungheria) 86,8
3 KANTOREI GRAZ (Austria) 82,8
4 INSIEME VOCALE VOX CORDIS (Italia) 81,6
5 HODEIERTZ (Spagna) 80,8

PREMI SPECIALI
DEL 42° CONCORSO INTERNAZIONALE DI CANTO CORALE
?C. A. SEGHIZZI?

PREMIO ?RADO LEOPOLI? miglior coro a voci pari
Piedmont Children?s Choir (USA)

PREMIO RAI Radio Televisione Italiana sede di Trieste
Insieme Vocale Vox Cordis (Arezzo, Italia)

GRAN PREMIO C.A. SEGHIZZI (designazione al GPE 2004)
Vokal Nord (Norvegia)

PREMIO FENIARCO miglior complesso italiano
Ring Around Quartet (Genova, Italia)

PREMIO DOMENICO CIERI programma di maggior interesse artistico
Cantemus Children?s Choir (Ungheria)

COPPA RACHELE BASUINO miglior esecuzione di musica di ispirazione religiosa
Vokal Nord per Ave Maris Stella di Trond Kverno

PREMIO NUOVA MUSICA composizione inedita
?Requiem? di Lorenzo Donati (Arezzo)

PREMIO CITTA? DI GORIZIA miglior direttore
A pari merito:
Ragnar Rasmussen, direttore del coro ?Vokal Nord?
Dragomir Yossifov, direttore del coro ?Vassil Arnaudov?

PREMIO COMPLESSI SOLISTICI
Ring Around Quartet (Genova)

PREMIO DEL PUBBLICO V CATEGORIA ?FRANCO TRAMPUS?
A pari merito:
Vokal Nord (Norvegia)
Cantemus Children?s Choir (Ungheria)

SEGNALAZIONI DEL PUBBLICO V CATEGORIA
Taipei Chamber Singers (Taiwan)

PREMIO DEL PUBBLICO VI CATEGORIA MUSICA LEGGERA
Vokal Nord (Norvegia)

SEGNALAZIONE DELLA COMMISSIONE D?ASCOLTO V CATEGORIA
Vokal Nord (Norvegia)
Cantemus Children?s Choir (Ungheria)

SEGNALAZIONE DELLA COMMISSIONE D?ASCOLTO VI CATEGORIA
Vokal Nord (Norvegia)

PREMI DI PRIMO LIVELLO NELLA SEZIONE B
Clara Schumann (Trieste, Italia)
Armoniosa Consonanza (Terni, Italia)

Voci per sapere e capire: gli atti del convegno Seghizzi 2002

17 Agosto 2003 Nessun commento

ATTI del 33° CONVEGNO EUROPEO DI STUDI
SULL?EDUCAZIONE MUSICALE E SULLA MUSICA CORALE

Sezione pedagogico-musicale
Integrazione e sinergia fra ricerca e didattica, fra livelli educativi musicali pubblici e privati, fra differenti livelli scolastici in una visione organica dell?educazione musicale

Sezione musicologica
Itinerari nella musica corale – Il catalogo della Pro Musica Studium -
Atti e documentazioni

COLLABORAZIONI SCIENTIFICHE

Dipartimento dell?educazione dell?Universita? di Trieste,
Corso di diploma per operatori dei Beni culturali
- Indirizzo beni musicali ? dell?Università di Udine,
IRRE del Friuli Venezia Giulia
Centro pedagogico del Friuli-Venezia Giulia

DIRETTORE DEL CONVEGNO
Italo Montiglio

COORDINATORE E MODERATORE
Claudio Desinan

SEGRETERIA TECNICA DEL CONVEGNO
Studentesse e studenti del Corso di Laurea in Relazioni Pubbliche
dell?Università degli Studi di Udine, sede di Gorizia

INDICE

Italo Montiglio
Presentazione del convegno pag. 9

I parte
SEZIONE PEDAGOGICO-MUSICALE

Concetta Assenza
Il profilo delle competenze del coordinatore di laboratorio musicale ? 15

Silvia Azzolin
L?educazione musicale in Italia e Inghilterra ? 24

Monica Bortanzon
Musica e scuola nella realtà sacilese: esperienze integrate pienamente riuscite? ? 77

Lida Branchesi
Innovazione e ricerca valutativa: i progetti dell?INVALSI in ambito ?musicale?.
Metodologia e primi risultati del progetto VALMUSS ? 86

Anna-Maria Brusaferro
I progetti del Conservatorio di Udine nei rapporti con la scuola di base del territorio ? 101

Franco Calabretto
Il Conservatorio statale di musica ?Jacopo Tomadini? di Udine ? 106

Antonella Coppi
Rapporti, integrazioni e sinergie tra università e conservatorio a Reggio Emilia: primi passi verso un ?progetto globale? di educazione musicale di base ? 109

Adriana De Serio
Strutture metodologiche di ricerca per una sinergia operativa fra Conservatorio di musica e scuola media in una visione organica dell?educazione musicale ? 120

Pietro Diambrini
Effetto laboratorio ? 123

Bruno Galante
Scenari e possibili percorsi per l?attivazione dei laboratori musicali
? 131

Adriana Gusso
I laboratori musicali territoriali e il ruolo degli IRRSAE.
La realtà veneta ? 151

Francesco Marangon
Educazione e produzione musicale.
Ruoli istituzionali degli enti pubblici ? 158

Pier Paolo Scattolin
?Farcoro? a scuola: appunti e contrappunti ? 163

Odorico Serena
Scuola dell?infanzia, territorio e costruzione dell?identità culturale e musicale nel bambino ? 180

Luisa Zanoncelli
La formazione musicale di base dell?università. L?esperienza dei corsi di diploma e di laurea della facoltà di lettere e filosofia dell?università di Udine e Gorizia ? 189

Fabiana Licciardi
Il progetto dell?I.R.R.E. Friuli Venezia Giulia: i laboratori musicali tra ricerca e prassi ? 197

Simone Comisso
Esperienza musicale all?interno della scuola primaria ? 212

Annalisa Baldassi
Esperienze di laboratorio ? 217

Paolo Simsig
Esperienze di laboratorio ? 218

Maria Luisa Sogaro
Laboratorio musicale di Pordenone ? 223

Giovanni Tomatis
Ricerca sull?attività di laboratorio musicale di Manzano e S. Giovanni al Natisone (UD) Con particolare riferimento all?attività con allievi disabili ? 227

CURRICULUM VITAE AUTORI ? 231

II parte
CATALOGO DELLE PUBBLICAZIONI DELLA PRO MUSICA STUDIUM
a cura di Nada Minuzzi

Italo Montiglio
Presentazione ? 244

Struttura e articolazione della Biblioteca di Musica ?C. A. Seghizzi?
? 246

L?Associazione Pro Musica Studium ? 248

Domenico Cieri ? 249

Nota preliminare ? 249

Inventario ? 250

Note catalografiche ? 259

Tavola delle abbreviazioni ? 261

Pro Musica Studium: Catalogo ? 262

Note ? 311

Indice dei nomi ? 312

Indice dei titoli ? 314

Indice delle voci ? 318

Dati anagrafici dei compositori ? 319

Archivio documenti della Pro Musica Studium ? 321

Nota bibliografica ? 333

La seconda parte del volume contiene il catalogo della Pro Musica Studium, associazione culturale fondata negli anni settanta dal direttore di coro, musicologo, organizzatore ed animatore musicale e culturale Domenico Cieri.
Alla sua morte, nell?aprile del 2002, le partiture, che l?associazione aveva pubblicato nel corso di questi anni, vennero depositate presso l?Associazione corale goriziana ?C.A. Seghizzi? di Gorizia.
Di questi materiali è stato redatto un catalogo, a cura della dottoressa Nada Minuzzi, attuale responsabile della Biblioteca di musica ?C.A. Seghizzi?.

Il lavoro può essere diviso in tre parti fondamentali: l?inventariazione, la catalogazione e l?archivio dei documenti della Pro Musica Studium. Per quanto riguarda la prima parte è stato redatto un elenco di tutti i volumi recuperati, elenco formato da tre colonne: la prima contiene l?intestazione principale secondo le Regole italiane di catalogazione per autori, la seconda il titolo della pubblicazione e il complemento del titolo (costituito da parola, frase o serie di caratteri, ha la funzione di completare, in subordine rispetto ad esso, il senso proprio del titolo di un documento) e la terza il numero di inventario ossia il numero di ingresso in biblioteca.

La seconda fase del lavoro è costituita dalla catalogazione vera e propria. Si è utilizzato il modello di scheda catalografica riconosciuta a livello internazionale per lo scambio bibliografico. La scheda standard si compone di alcuni elementi: in alto a destra l?intestazione principale, in alto a sinistra la segnatura, serie di lettere e cifre impiegate per l?identificazione di un documento e per dare indicazione della sua collocazione nelle raccolte. Segue la parte centrale chiamata descrizione del documento, secondo gli International Standard Bibliographic Description (Printed Musica), per la descrizione di pubblicazioni correnti di musica a stampa. Gli altri elementi della scheda sono: il tracciato, l?indicazione degli altri accessi creati alla registrazione (accessi costituiti da voci di soggetto e da intestazioni secondarie) e la classificazione decimale Dewey.

La catalogazione ha portato alla redazione di 142 schede che sono state ordinate alfabeticamente secondo l?intestazione principale, quindi è stato creato un catalogo alfabetico per autori. Ad ogni scheda è stato attribuito un numero progressivo da 1 a 142 che permette di fare i richiami con i tre indici che seguono. Sono stati inseriti tre indici: dei nomi, dei titoli e delle voci. L?indice delle voci divide le partiture in voci femminili, maschili, bianche e miste per rispondere ad un?esigenza fondamentale della Biblioteca di musica ?C.A. Seghizzi? che è quella di rivolgersi ad un pubblico che opera in ambienti corali e alla necessità di reperire partiture partendo dall?organico interessato.

Il catalogo contiene inoltre una scheda con alcuni dati biografici degli autori considerati, che permette di analizzare le epoche e i compositori maggiormente affrontati dalla Pro Musica Studium. Una posizione di rilievo assumono sicuramente autori contemporanei viventi o spentisi da poco, come Luciano Chailly, Ferenc Farkas, Vito Levi, Egisto Macchi, in linea con una delle finalità fondamentali che si proponeva la Pro Musica Studium, cioè aiutare giovani compositori e creare un repertorio inedito di musica corale per i nostri cori italiani. Non sono comunque tralasciati nemmeno autori del passato, tra i quali ricordiamo Vittoria Aleotti, Jaques Dupont, Giovanni Pierluigi da Palestrina, Tomas Louis de Victoria, Domenico Scarlatti, Philippe Verdelot.

Dal catalogo emergono due grandi settori di interesse della Pro Musica Studium: le partiture corali, sia come ricerca e studio di melodie del passato che come proposta di melodie inedite e monografie di didattica della musica, strumenti di supporto ad insegnanti per l?educazione musicale nella scuola dell?obbligo. Un?attenzione particolare è stata infatti sempre dedicata da Domenico Cieri e quindi dall?associazione che rappresentava al mondo dei bambini in rapporto alla musica.

In appendice al catalogo è stato inserito il catalogo dei documenti della Pro Musica Studium che costituiscono l?archivio storico dell?associazione.