Archivio

Archivio Agosto 2011

Luigi Cherubini, REQUIEM IN DO MINORE, Sappada (BL) 2 settembre 2011

30 Agosto 2011 Nessun commento
Locandina concerto Sappada 2 settembreSappada (BL), chiesa parrocchiale
venerdì 2 settembre 2011, ore 21
Luigi Cherubini
REQUIEM IN DO MINORE

Esecutori
coro “Seghizzi” di Gorizia
coro della Basilica di Aquileia UD
coro “Lorenzo Perosi” di Fiumicello
pianista David Giovanni Leonardi
direttore Italo Montiglio

 

 

Presentazione

Luigi Cherubini (Firenze 1760 – Parigi 1842).  Compiuti gli studi a Bologna e Milano, iniziò ancora molto giovane a comporre musica sacra. Seguirono altre opere di musica religiosa e da camera molto apprezzate al punto da indurre il granduca Leopoldo di Toscana ad assegnargli una pensione (1778), necessaria per il soggiorno di studio bolognese. Dal 1780 al 1784 scrisse molte opere teatrali tanto che ottenne un invito per recarsi a Londra. Fu autore di numerose opere liriche prima di stabilirsi nel 1788 a Parigi, dove entrò a far parte del nuovo Conservatorio, che poi diresse dal 1821 al 1842. Nel 1805 si trasferì a Vienna, ma in seguito agli eventi bellici ed alla difficile situazione teatrale austriaca, fu costretto a ritornare a Parigi, dove, dopo un periodo di accoglienza piuttosto fredda, ottenne maggiore successo e riconoscimenti. Nel 1815 Luigi XVIII, re di Francia, dopo il periodo rivoluzionario e napoleonico, chiama Cherubini a dirigere la sua cappella musicale. Il re, volendo rendere omaggio al fratello giustiziato vent’anni prima dispose che ogni anno l’anniversario venisse ricordato con funzioni religiose. L’incarico di comporre una messa funebre fu affidato a Cherubini; nacque così il Requiem in do minore, che il 21 gennaio 1816 fu eseguito nella chiesa parigina di St. Denis. Il Requiem di Cherubini si discosta in modo netto da un certa tradizionale “marziale” e retorica, spogliando la tecnica corale di ogni accenno virtuosistico, se si eccettua la grande fuga del “Quam olim Abrahae”, evidenziando una scrittura complessiva di impressionante modernità, caratterizzata dall’alternarsi di momenti di straordinaria dolcezza con parti di vibrante drammaticità. La concentrazione espressiva di quest’opera fece grande impressione sui contemporanei, che considerarono il Requiem cherubiniano un modello esemplare, tanto da meritarsi l’incondizionato apprezzamento, fra gli altri, di Beethoven, Schumann e Berlioz. 

I cori esecutori da molti anni operano assieme, a livello nazionale ed internazionale, per la realizzazione di importanti progetti musicali fra i quali il Messia di G.F. Haendel, i Carmina Burana di Carl Orff, Jahreszeiten di Joseph Haydn, l’Aleksandr Nevskij di Sergej Prokofiev, il Requiem di Antonin Dvorak, gli Zigeunerlieder di Johannes Brahms, ecc. Queste e altre opere sono state eseguite sotto la direzione di personalità musicali di rilievo fra le quali spiccano, ad esempio, Riccardo Muti, Simon Carrington, Andrea Giorgi. Collaboratore stabile di questo complesso “policorale” è David Giovanni Leonardi, musicologo, pianista e docente di storia della musica al Conservatorio “Tomadini” di Udine. I cori sono diretti da oltre un quindicennio da Italo Montiglio che ha al suo attivo una poliedrica attività culturale, come docente universitario, direttore di cori, organizzatore di eventi musicali ed artistici, membro di giuria in concorsi nazionale ed internazionali. Il Requiem in do minore di Luigi Cherubini, uno dei capolavori della musica sacra del primo Ottocento, nel luglio dello scorso anno è stato eseguito sotto la direzione di Riccardo Muti nel memorabile concerto di Trieste e al Ravenna Festival con grande successo di pubblico e di critica.

http://www.seghizzi.it
info@seghizzi.it
Tel. 0481.530288

Categorie:Classica, Musica Tag: