Archivio

Archivio Gennaio 2012

ANDREA GIORGI, in memoriam – due momenti per ricordare l’uomo ed il musicista

20 Gennaio 2012 Nessun commento

Due appuntamenti per ricordare Andrea Giorgi (10 agosto 1939 – 25 gennaio 2011). Mercoledì 25 gennaio 2012 alle ore 18.00 nella chiesa di Barcola a Trieste avrà luogo una messa in suffragio di Andrea Giorgi, ad un anno dalla sua scomparsa.Lunedì 30 gennaio 2012 alle ore 17.30 nel Museo teatrale Schmidl sempre a Trieste in via Rossini 4 si svolgerà un incontro commemorativo di Andrea Giorgi a cura di Stefano Bianchi e Gianni Gori. Fra gli altri sarà presente anche Italo Montiglio, presidente della Associazione Seghizzi di Gorizia, con la quale il musicista ebbe solidi, proficui e duraturi rapporti soprattutto come presidente e membro della Giuria del concorso internazionale di canto corale e di canto solistico, oltre che presidente e membro della commissione artistica delle attività musicali internazionali Seghizzi.
http://www.seghizzi.it  

(Il Piccolo) La Fondazione Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”, d’intesa con il sindaco Roberto Cosolini, ha scelto di intitolare la Sala del Coro alla memoria del maestro Andrea Giorgi, di cui si ricorre in questi giorni il primo anniversario della morte. Una decisione presa per in segno di omaggio e riconoscenza per la grande carica umana di Giorgi, rimasto appunto alla guida del coro per dodici anni consecutivi, e per le doti artistiche di prestigioso musicista sempre espresse con generosa carica vitale e grande umanità.

Nato a Haifa nel 1939, a Trieste Giorgi aveva studiato pianoforte con Carmela Pozzetto e Angelo Kessisiglù e composizione con Giulio Viozzi. Dopo gli studi di direzione d’orchestra con Gottfried Lessing era entrato giovanissimo al Verdi come maestro collaboratore. Nel 1966 entra però in un altro laboratorio di musica e spettacolo: quello del Teatro Nazionale di Ankara, dove firmò la direzione di opere, concerti e balletti. Nel 1975 tuttavia tirornò a Trieste, dove un ruolo pressoché storico come direttore del coro: incarico che mantenne fino al 1987, firmando produzioni memorabili.