Archivio

Post Taggati ‘atti’

Offerta materiale bibliotecario

4 Maggio 2017 Nessun commento

In vista di un progetto di ristrutturazione degli spazi della nuova sede e di razionalizzazione dei propri fondi bibliotecari l’Associazione Seghizzi offre a titolo gratuito copie degli Atti dei Convegni Seghizzi, purché le persone o Istituzioni o Associazioni o Scuole interessate provvedano direttamente al prelievo dei volumi presso la sede dell’Associazione Seghizzi a Gorizia in Corso Verdi 85 e previo accordo su data e orario tramite e-mail ( italo_montiglio@yahoo.com ) o comunicazione telefonica o sms al n° 335.8018607. L’offerta è valida fino ad esaurimento delle scorte.
Una parte degli indici degli Atti è consultabile alla pagina web
https://www.flickr.com/photos/seghizzi2007/sets/72157617515583576/

Si allega elenco degli Atti disponibili.

 

Voci per sapere e capire: gli atti del convegno Seghizzi 2002

17 Agosto 2003 Nessun commento

ATTI del 33° CONVEGNO EUROPEO DI STUDI
SULL?EDUCAZIONE MUSICALE E SULLA MUSICA CORALE

Sezione pedagogico-musicale
Integrazione e sinergia fra ricerca e didattica, fra livelli educativi musicali pubblici e privati, fra differenti livelli scolastici in una visione organica dell?educazione musicale

Sezione musicologica
Itinerari nella musica corale – Il catalogo della Pro Musica Studium -
Atti e documentazioni

COLLABORAZIONI SCIENTIFICHE

Dipartimento dell?educazione dell?Universita? di Trieste,
Corso di diploma per operatori dei Beni culturali
- Indirizzo beni musicali ? dell?Università di Udine,
IRRE del Friuli Venezia Giulia
Centro pedagogico del Friuli-Venezia Giulia

DIRETTORE DEL CONVEGNO
Italo Montiglio

COORDINATORE E MODERATORE
Claudio Desinan

SEGRETERIA TECNICA DEL CONVEGNO
Studentesse e studenti del Corso di Laurea in Relazioni Pubbliche
dell?Università degli Studi di Udine, sede di Gorizia

INDICE

Italo Montiglio
Presentazione del convegno pag. 9

I parte
SEZIONE PEDAGOGICO-MUSICALE

Concetta Assenza
Il profilo delle competenze del coordinatore di laboratorio musicale ? 15

Silvia Azzolin
L?educazione musicale in Italia e Inghilterra ? 24

Monica Bortanzon
Musica e scuola nella realtà sacilese: esperienze integrate pienamente riuscite? ? 77

Lida Branchesi
Innovazione e ricerca valutativa: i progetti dell?INVALSI in ambito ?musicale?.
Metodologia e primi risultati del progetto VALMUSS ? 86

Anna-Maria Brusaferro
I progetti del Conservatorio di Udine nei rapporti con la scuola di base del territorio ? 101

Franco Calabretto
Il Conservatorio statale di musica ?Jacopo Tomadini? di Udine ? 106

Antonella Coppi
Rapporti, integrazioni e sinergie tra università e conservatorio a Reggio Emilia: primi passi verso un ?progetto globale? di educazione musicale di base ? 109

Adriana De Serio
Strutture metodologiche di ricerca per una sinergia operativa fra Conservatorio di musica e scuola media in una visione organica dell?educazione musicale ? 120

Pietro Diambrini
Effetto laboratorio ? 123

Bruno Galante
Scenari e possibili percorsi per l?attivazione dei laboratori musicali
? 131

Adriana Gusso
I laboratori musicali territoriali e il ruolo degli IRRSAE.
La realtà veneta ? 151

Francesco Marangon
Educazione e produzione musicale.
Ruoli istituzionali degli enti pubblici ? 158

Pier Paolo Scattolin
?Farcoro? a scuola: appunti e contrappunti ? 163

Odorico Serena
Scuola dell?infanzia, territorio e costruzione dell?identità culturale e musicale nel bambino ? 180

Luisa Zanoncelli
La formazione musicale di base dell?università. L?esperienza dei corsi di diploma e di laurea della facoltà di lettere e filosofia dell?università di Udine e Gorizia ? 189

Fabiana Licciardi
Il progetto dell?I.R.R.E. Friuli Venezia Giulia: i laboratori musicali tra ricerca e prassi ? 197

Simone Comisso
Esperienza musicale all?interno della scuola primaria ? 212

Annalisa Baldassi
Esperienze di laboratorio ? 217

Paolo Simsig
Esperienze di laboratorio ? 218

Maria Luisa Sogaro
Laboratorio musicale di Pordenone ? 223

Giovanni Tomatis
Ricerca sull?attività di laboratorio musicale di Manzano e S. Giovanni al Natisone (UD) Con particolare riferimento all?attività con allievi disabili ? 227

CURRICULUM VITAE AUTORI ? 231

II parte
CATALOGO DELLE PUBBLICAZIONI DELLA PRO MUSICA STUDIUM
a cura di Nada Minuzzi

Italo Montiglio
Presentazione ? 244

Struttura e articolazione della Biblioteca di Musica ?C. A. Seghizzi?
? 246

L?Associazione Pro Musica Studium ? 248

Domenico Cieri ? 249

Nota preliminare ? 249

Inventario ? 250

Note catalografiche ? 259

Tavola delle abbreviazioni ? 261

Pro Musica Studium: Catalogo ? 262

Note ? 311

Indice dei nomi ? 312

Indice dei titoli ? 314

Indice delle voci ? 318

Dati anagrafici dei compositori ? 319

Archivio documenti della Pro Musica Studium ? 321

Nota bibliografica ? 333

La seconda parte del volume contiene il catalogo della Pro Musica Studium, associazione culturale fondata negli anni settanta dal direttore di coro, musicologo, organizzatore ed animatore musicale e culturale Domenico Cieri.
Alla sua morte, nell?aprile del 2002, le partiture, che l?associazione aveva pubblicato nel corso di questi anni, vennero depositate presso l?Associazione corale goriziana ?C.A. Seghizzi? di Gorizia.
Di questi materiali è stato redatto un catalogo, a cura della dottoressa Nada Minuzzi, attuale responsabile della Biblioteca di musica ?C.A. Seghizzi?.

Il lavoro può essere diviso in tre parti fondamentali: l?inventariazione, la catalogazione e l?archivio dei documenti della Pro Musica Studium. Per quanto riguarda la prima parte è stato redatto un elenco di tutti i volumi recuperati, elenco formato da tre colonne: la prima contiene l?intestazione principale secondo le Regole italiane di catalogazione per autori, la seconda il titolo della pubblicazione e il complemento del titolo (costituito da parola, frase o serie di caratteri, ha la funzione di completare, in subordine rispetto ad esso, il senso proprio del titolo di un documento) e la terza il numero di inventario ossia il numero di ingresso in biblioteca.

La seconda fase del lavoro è costituita dalla catalogazione vera e propria. Si è utilizzato il modello di scheda catalografica riconosciuta a livello internazionale per lo scambio bibliografico. La scheda standard si compone di alcuni elementi: in alto a destra l?intestazione principale, in alto a sinistra la segnatura, serie di lettere e cifre impiegate per l?identificazione di un documento e per dare indicazione della sua collocazione nelle raccolte. Segue la parte centrale chiamata descrizione del documento, secondo gli International Standard Bibliographic Description (Printed Musica), per la descrizione di pubblicazioni correnti di musica a stampa. Gli altri elementi della scheda sono: il tracciato, l?indicazione degli altri accessi creati alla registrazione (accessi costituiti da voci di soggetto e da intestazioni secondarie) e la classificazione decimale Dewey.

La catalogazione ha portato alla redazione di 142 schede che sono state ordinate alfabeticamente secondo l?intestazione principale, quindi è stato creato un catalogo alfabetico per autori. Ad ogni scheda è stato attribuito un numero progressivo da 1 a 142 che permette di fare i richiami con i tre indici che seguono. Sono stati inseriti tre indici: dei nomi, dei titoli e delle voci. L?indice delle voci divide le partiture in voci femminili, maschili, bianche e miste per rispondere ad un?esigenza fondamentale della Biblioteca di musica ?C.A. Seghizzi? che è quella di rivolgersi ad un pubblico che opera in ambienti corali e alla necessità di reperire partiture partendo dall?organico interessato.

Il catalogo contiene inoltre una scheda con alcuni dati biografici degli autori considerati, che permette di analizzare le epoche e i compositori maggiormente affrontati dalla Pro Musica Studium. Una posizione di rilievo assumono sicuramente autori contemporanei viventi o spentisi da poco, come Luciano Chailly, Ferenc Farkas, Vito Levi, Egisto Macchi, in linea con una delle finalità fondamentali che si proponeva la Pro Musica Studium, cioè aiutare giovani compositori e creare un repertorio inedito di musica corale per i nostri cori italiani. Non sono comunque tralasciati nemmeno autori del passato, tra i quali ricordiamo Vittoria Aleotti, Jaques Dupont, Giovanni Pierluigi da Palestrina, Tomas Louis de Victoria, Domenico Scarlatti, Philippe Verdelot.

Dal catalogo emergono due grandi settori di interesse della Pro Musica Studium: le partiture corali, sia come ricerca e studio di melodie del passato che come proposta di melodie inedite e monografie di didattica della musica, strumenti di supporto ad insegnanti per l?educazione musicale nella scuola dell?obbligo. Un?attenzione particolare è stata infatti sempre dedicata da Domenico Cieri e quindi dall?associazione che rappresentava al mondo dei bambini in rapporto alla musica.

In appendice al catalogo è stato inserito il catalogo dei documenti della Pro Musica Studium che costituiscono l?archivio storico dell?associazione.