Archivio

Post Taggati ‘mostra’

Incontri al femminile, Gorizia, Galleria Seghizzi, 22 ottobre 2017

4 Ottobre 2017 Nessun commento

INCONTRI

voci suoni colori storie

AL FEMMINILE

Gorizia, Corso Verdi 85
GALLERIA SEGHIZZI
22 ottobre 2017, ore 10.30
I EDIZIONE
fino al 3 dicembre

 

L’associazione goriziana Seghizzi organizzala Iedizione di “Incontri al femminile”: voci, suoni, parole, colori e storie di donne provenienti da tutta la regione. Inaugurazione della mostra: domenica 22 ottore 2017 alle ore 10.30 nella sede dell’associazione Seghizzi a Gorizia in Corso Verdi 85, con opere di dieci artiste : Tania Cher, Elena Pogutz, Natascia Silverio, Michela Giorgiutti, Chiara Giorgiutti, Manuela Iuretig, Laura Zuliani, Giovanna Curto, Eva Damian, Valentina Miani. Ognuna di esse presenterà sinteticamente alcuni aspetti della proprio lavoro. Interverranno inoltre quattro donne dalla significativa presenza nel mondo del giornalismo, dell’imprenditoria, della cultura e del sociale: Graziella Atzori, Marina Silvestri, Elisabetta Pecar, Alessandra Spizzo. Accompagneranno gli incontri le voci femminili in coro di Antonella  Antonelli, Immacolata  Belletti, Fernanda  Buttazzoni, Graziella  Castagnini, Luisa  D’Agostini, Carmen  De Biasio, Ines  De Filippi, Elisabetta  Fornasa, Barbara  Gallopin, Franca  Melusin Godeas, Rina  Gon, Fulvia   Gratton, Silvana  Gregorat, Lucia  Luciani, Cristina  Merluzzi, Michela  Perotti, Gabriella  Scudetto, Maria Elisabetta  Zamar, Gigliola  Zucchetto. “Flash goriziano” sarà rivolto alla 96enne Elsa Cociancig ancora brillantemente attiva nella gestione della storica “Locanda da Sandro”. Gli incontri saranno coordinati da Marina Silvestri, giornalista, scrittrice e saggista.Nel pomeriggio gli “Incontri” proseguiranno in modo informale con la possibilità di chiacchierare liberamente con le protagoniste della giornata. L’iniziativa dell’Associazione Seghizzi si colloca nella prospettiva di apertura e di valorizzazione di realtà diverse dal mondo musicale (al quale la “Seghizzi” è storicamente legata), ma che con la musica si intrecciano profondamente e nelle quali le donne rappresentano una dimensione forse troppo spesso sottovalutata.

Presentazione Seghizzi 2018 e mostra di Alvise Vendramin

4 Settembre 2017 Nessun commento

ALBUM FOTOGRAFICO INAUGURAZIONE MOSTRA

Domenica 10 settembre alle ore 11 a Gorizia, nella sede della Associazione Seghizzi in Corso Verdi 85, avranno luogo due eventi. La presentazione del progetto delle manifestazioni musicali internazionali Seghizzi 2018 seguita dall’inaugurazione della mostra personale di pittura dell’artista triestino Alvise Vendramin. Presentazione a cura della dott.ssa Monica Ferri. La mostra sarà aperta fino a domenica 8 ottobre con orario quotidiano ore 11-13. Questa iniziativa espositiva continua la serie delle mostre della Galleria Seghizzi, intese a valorizzare la nuova sede dell’Associazione Seghizzi nel segno dell’unità integrata delle arti. In tal senso i curatori di questa mostra hanno anche scelto la musica che la accompagnerà (“Pupazzetti” di Alfredo Casella) come sua colonna sonora. Altre iniziative artistiche interesseranno il seguito dell’esposizione fra cui letture pubbliche di testi poetici, teatrali, critici e storici. Ingresso libero.

ALVISE VENDRAMIN. Nato a Trieste nel 1949. Molteplici gli interessi, scientifici e culturali, che lo portano inizialmente ad una variegata serie di attività operative e professionali e che si concludono con una trentennale esperienza lavorativa al Porto di Trieste. Nel corso dei decenni sviluppa costantemente e rafforza la sua passione artistica con poliedriche esperienze dal restauro all’arredamento, dalla passione per il legno alla pittura, la quale, alla fine, sintetizza ed esprime la sua vivace personalità umana ed artistica, con un segno di spiccata individualità. I “Pupoli de Alvise”, titolo ricorrente delle sue mostre, non devono trarre in inganno. Sotto l’apparenza spensierata e giocosa, quasi da illustrazione per l’infanzia, c’è profondità di ispirazione e sapienza costruttiva, in cui predomina un’atmosfera di solare luminosa fresca serenità, eco delle terre di mare,  dall’Istria a Venezia (dei suoi avi) a Trieste, a cui sente di appartenere con il cuore e non solo per motivi anagrafici. (IM)

Collettiva di pittura “Seghizzi”: iscrizioni

6 Giugno 2017 Nessun commento

Sono aperte le iscrizioni ad una mostra collettiva di pittura organizzata dall’Associazione “Seghizzi” in occasione delle manifestazioni musicali internazionali che avranno luogo a Gorizia dal 17 al 24 luglio 2017. Sede espositiva: la Galleria Seghizzi nella sede dell’Associazione Seghizzi a Gorizia in Corso Verdi 85. Durata della mostra da domenica 9 luglio (inaugurazione) a martedì 15 agosto 2017 con apertura quotidiana. La centralità e la novità della sede unitamente alla presenza di un migliaio di persone partecipanti agli Eventi Seghizzi rendono la mostra interessante per tutti gli artisti che intendono proporsi. Alcune regole fondamentali.

  1. Ogni artista può esporre una sola opera senza limiti di stile o tecnica.
  2. Iscrizione e partecipazione alla mostra sono del tutto gratuite
  3. I candidati dovranno inviare tramite e-mail entro il 25 giugno 2017

(a)    una foto digitale (anche in bassa definizione) dell’opera proposta per la mostra

(b)   nome e cognome; località di residenza

(c)    le misure dell’opera

(d)   eventuali caratteristiche specifiche dell’opera

(e)    eventuale titolo dell’opera

  1. Entro il 27 giugno 2017 una commissione di artisti ed esperti provvederà a selezionare fino ad un massimo di 25 opere.
  2. Gli artisti provvederanno a recapitare o portare le proprie opere nella sede espositiva sopra citata fra domenica 2 luglio e mercoledì 5 luglio.
  3. La collocazione delle opere nello spazio espositivo della Galleria Seghizzi sarà curata insindacabilmente dalla commissione artistica selezionatrice.
  4. Apposite pagine web saranno dedicate agli Artisti ed alle opere selezionate, che saranno presenti anche sui programmi a stampa delle manifestazioni musicali internazionali Seghizzi.
  5. Il Comitato artistico ha facoltà di segnalare al comitato organizzatore alcuni degli artisti espositori per  allestire una mostra personale pressoLa GalleriaSeghizzientro i successivi dodici mesi.
  6. Dal 16 agosto gli artisti potranno ritirare le loro opere fino alla fine di agosto.
  7. E-mail di contatto, per informazioni ed invio dei dati richiesti al punto (2):        italo_montiglio@yahoo.com

 

ALCUNE IMMAGINI DELLE NOSTRE MOSTRE

 

ELENCO INIZIATIVE INTERNAZIONALI “SEGHIZZI” LUGLIO 2017

 

56° Concorso internazionale di canto corale

48° Convegno musicale e musicologico

29° Grand Prix Seghizzi

18° Trofeo di comnposizione

15° Festival Seghizzinregione – circuito concertistico nel Friuli Venezia-Giulia

13° Premio internazionale “Una vita per la direzione corale”

10° Trofeo delle Nazioni

  4° Premio “Poesia in Musica”

Alessandra Spizzo, mostra di pittura

24 Maggio 2017 Nessun commento

Domenica 4 giugno 2017: presentazione Seghizzi 2017

22 Maggio 2017 Nessun commento

Domenica 4 giugno 2017 alle ore 11 presso la sede dell’Associazione Seghizzi a Gorizia in Corso Verdi 85 avrà luogo la presentazione ufficiale delle manifestazioni musicali internazionali Seghizzi 2017. Seguirà l’inaugurazione della mostra della pittrice udinese Alessandra Spizzo.

Alessandra Spizzo, nata a Udine nel 1959, è artista versatile, performer. Laurea specialistica in storia dell’arte e laurea in conservazione dei beni culturali, Università di Udine, master in comunicazione. Ha frequentato la scuola d’arte e mestieri Giovanni da Udine, la scuola internazionale di grafica di Venezia e praticato diversi laboratori d’arte, di restauro e d’artigianato. Esprime il proprio mondo interiore con una figurazione che giace nella coscienza. Studiosa d’arte, molto sensibile al sociale, da alcuni anni conduce Atelier artistici animati da ragazzi autistici, in qualità di operatrice culturale, ed organizza eventi collaborando con alcune cooperative che operano in ambito psichiatrico. Progetta bijoux ispirati alle opere dei grandi maestri dell’arte, scrive e illustra favole che presenta in scuole e biblioteche; collabora per la realizzazione de “L’arte non mente”. Fa parte di AURA.  Annovera mostre personali e collettive in Italia e all’estero.

CECILIA SEGHIZZI “IMPRESSIONI”

6 Ottobre 2015 Nessun commento

Cecilia Seghizzi, IMPRESSIONI, pittura e musica
Gorizia, Galleria “Seghizzi”, Corso Verdi 85
dal 14 ottobre al 14 dicembre 2015
Orari di apertura:
lunedì e venerdì dalle 10.30 alle 14.30
mercoledì dalle 14.30 alle 18.30
domenica
dalle ore 10.30 alle 13.30 e dalle ore 15.30 alle 18.30

Da mercoledì 14 ottobre fino al 14 dicembre 2015 nella sede dell’Associazione Seghizzi a Gorizia in Corso Verdi 85 sarà aperta la mostra “Impressioni” dedicata alla pittura (ed alla musica) di Cecilia Seghizzi, integrando così due momenti e aspetti fondamentali dell’opera dell’artista goriziana. Il carattere integrato dell’iniziativa si pone l’obiettivo di attivare nuovi percorsi di conoscenza fra pubblici e fruitori diversi. Proprio per questo motivo il titolo “Impressioni” vuole riferirsi non soltanto alla poetica figurativa e musicale di Cecilia, ma anche alla finalità di sensibilizzare trasversalmente i visitatori ed i fruitori su diversi piani percettivi, culturali ed estetici. Proprio per questo all’iniziativa aderisce  anche il Piano Center Pecar di Gorizia. La mostra si avvarrà inoltre di espansioni virtuali con specifiche pagine web volte ad approfondire specifici aspetti e momenti della vita di Cecilia Seghizzi, una vita ricca di interessi non solo artistici. L’aver attraversato un intero secolo la rende anche testimone della vita di una città e di un’epoca particolarmente complessa, alla quale ha partecipato, a modo suo, con curiosità e gioia di vivere. Al posto della tradizionale inaugurazione ufficiale l’Associazione Seghizzi ha preferito programmare diverse iniziative di carattere editoriale, culturale e musicale, che saranno rese note in seguito.  Ingresso libero.

Associazione Seghizzi
Gorizia, Corso Verdi 85
Tel. 0481.530404

Finissage delle mostre di Enzo Valentinuz

30 Settembre 2015 Nessun commento
Venerdì 2 ottobre alle ore 21 a Gorizia nella sede dell’Associazione Seghizzi in Corso Verdi 85 avrà luogo il finissage della mostra “Dentro la Storia” di Enzo Valentinuz con la partecipazione musicale dei cori “Perosi” di Fiumicello (UD), “Seghizzi” di Gorizia, “Schiff” di Chiopris (UD). Canti, sintetico bilancio, saluti e conclusione … presso la Cicchetteria ai giardini.
Sabato 3 ottobre alle ore 11.00 presso il Caffè Teatro Verdi di Gorizia si svolgerà il finissage della seconda mostra dei Racconti in graffiti di Enzo Valentinuz (esposti nel locale) con un aperitivo di buon weekend.
Sarà molto gradita la partecipazione della S.V.

Estese a tutto settembre le mostre di Valentinuz

2 Settembre 2015 Nessun commento

La mostra di Enzo Valentinuz “Dentro la storia” rimarrà aperta ancora per tutto il mese di settembre nella sede dell’Associazione Seghizzi a Gorizia in Corso Verdi 85 con gli stessi orari: lunedì e venerdì dalle ore 10 alle 14; mercoledì dalle ore 14 alle 18. Protagoniste le pietre del Carso. Per la visita in altre giornate contattare l’associazione Seghizzi e-mail info@seghizzi.it . Ingresso libero. E’ stata estesa per tutto il mese di settembre anche l’altra mostra di Enzo Valentinuz (una narrazione di storie con la tecnica dei graffiti) presso il caffè del Teatro Verdi di Gorizia. Seguirà, nel mese di ottobre, presso la Galleria “Seghizzi”, una mostra dedicata alla pittrice e musicista Cecilia Seghizzi.

a

II mostra di Enzo Valentinuz – Graffiti – fino al 31/VIII

9 Luglio 2015 Nessun commento

Raccontare per graffiti è il segno della seconda mostra di Enzo Valentinuz che sarà inaugurata mercoledì 15 luglio alle ore18.30 aGorizia nel Caffè Teatro Verdi con una conversazione fra l’artista e la giornalista Margherita Reguitti. La mostra, parallelamente a quella in Corso Verdi 85 (sempre a Gorizia), rimarrà aperta fino al 31 agosto. L’iniziativa è promossa ed organizzata dall’Associazione Seghizzi in occasione delle prossime manifestazioni musicali corali internazionali, in qualche modo adottando un artista, una cui opera è stata scelta anche come logo del 54° concorso internazionale di canto corale e del 13° festival Seghizzinregione, aprendosi così al principio della sinergia delle arti e dunque del “non solo musica”. Le due mostre intendono illustrare i caratteri salienti dell’opera dell’artista friulano che festeggia quest’anno il cinquantesimo di attività artistica pubblica. In tal senso risulta ancor più significativo il fatto che il Trofeo dell’XI premio internazionale Seghizzi “Una vita per la direzione corale” consista in un’opera, sempre di Valentinuz, assegnata al musicista Marko Munih, in riconoscimento di una lunga e benemerita carriera, che, proprio 50 anni or sono per la prima volta si apriva al successo internazionale con la partecipazione e le vittorie nel Concorso corale internazionale Seghizzi, alla direzione dell’evergreen Coro accademico “Tone Tomsic” di Lubiana.

Questo appuntamento anticipa la 54esima edizione del concorso internazionale di canto corale “Seghizzi”, in programma dal 24 al 26 luglio. La storica e internazionale kermess ha infatti scelto un’opera del maestro di Romans quale logo di questa edizione e ospita, sempre fino a fine agosto, una seconda mostra nella galleria “Seghizzi” di corso Verdi 85, dal titolo “Dentro la storia…”.

Due mostre, due temi e due tecniche espressive per raccontare una carriera iniziata cinquant’anni fa con le prime mostre in importanti gallerie e vincendo prestigiosi premi nazionali. Nella prima esposizione “Dentro la storia” sono esposte le opere realizzate con le pietre del Carso, omaggio a una terra che è musa ispiratrice ma anche memoria di eventi bellici tragici, lavori realizzati con schegge di pietra al naturale o dipinte di colori vivaci. Un materiale che il critico-artista Luciano de Gironcoli ha sottolineato è stato scelto sin dalla preistoria dall’essere umano per esprimere concetti e valori estetici.

“Racconti” propone graffiti su malte colorate. Una narrazione intima e personale con personaggi reali e fantastici, che emergono dal lavoro di rimozione di strati di malte policrome. Una tecnica che richiede perizia esecutiva, tempo e pazienza.

Una tecnica antica che Valentinuz ha saputo rianimare in modo contemporaneo, innervandola di concetti e pensieri, utilizzando il mezzo espressivo-estetico di arte decorativa assai utilizzata dai maestri della pittura, soprattutto nel Settecento.

Dopo aver esposto anni fa nella Galleria “Mario Di Iorio” della Biblioteca statale isontina e in altri spazi privati, Enzo Valentinuz torna a Gorizia, dove fu allievo di Cesare Mocchiutti all’Istituto d’arte. L’opportunità è stata creata dal presidente dell’associazione “Seghizzi” Italo Montiglio che ha scelto una sua opera quale logo della rassegna di quest’anno. Oltre a ciò una scultura del maestro di Romans verrà consegnata al musicista Marko Muniha cui sarà assegnato l’XI premio internazionale Seghizzi “Una vita per la direzione corale”.

Enzo Valentinuz, Dentro la storia …, 7 luglio – 31 agosto

2 Luglio 2015 Nessun commento
Martedì 7 luglio 2015 alle ore 18.30 presso  la Galleria  ”Seghizzi” a Gorizia in Corso Verdi 85 sarà inaugurata la mostra di Enzo Valentinuz intitolata “Dentro la storia…”. La mostra sarà presentata dall’artista e critico Luciano de Gironcoli. L’esposizione rimarrà aperta fino al 31 agosto con i seguenti orari: lunedì e venerdì dalle ore 10 alle 14; mercoledì dalle ore 14.30 alle 18.30; martedì e giovedì dalle ore 10 alle 12; sabato e domenica su richiesta. Ingresso libero. In concomitanza con le manifestazioni musicali internazionali Seghizzi (18-27 luglio) la mostrà sarà aperta tutto il giorno. E’ opportuno infine ricordare che una delle opere di Enzo Valentinuz (immagine anche della mostra) è stata scelta dall’Associazione Seghizzi come logo delle manifestazioni musicali internazionali Seghizzi 2015. Una seconda mostra, sempre di opere di Enzo Valentinuz, sarà inaugurata il 15 luglio negli spazi espositivi del Caffè Teatro Verdi a Gorizia.
Enzo Valentinuz nasce a Romans d’Isonzo (Gorizia), dove tuttora vive e opera. Il suo percorso artistico si divide in due grandi esperienze lontane fra di loro oltre 30 anni: la prima nella seconda metà degli anni Sessanta; dopo il diploma di Maestro d’Arte in decorazione pittorica all’istituto d’arte di Gorizia, allievo di Cesare Mocchiutti, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Venezia, sezione di Pittura, dove ha per maestro Bruno Saetti e l’allora assistente Carmelo Zotti. Nel 1968 c’è la sua prima personale e, di seguito, un’intensa attività di mostre che vicende personali interrompono nel 1973. Per oltre tre decenni l’arte diviene per Valentinuz un interesse coltivato solo in forma passiva, con la lettura, lo studio, le visite a mostre di maestri e colleghi. La ripresa è del 2004, quando il comune di Romans d’Isonzo gli chiede di aprire uno studio di pittura murale che diventa un luogo aperto al pubblico e ai giovani, dove spiegare e mostrare la nascita di opere d’arte realizzate con l’affresco e il graffito su intonaco. Da allora la sua attività non si ferma più e decine sono le personali e collettive alle quali partecipa in Friuli Venezia Giulia, Veneto, ma anche in Austria, Francia e Slovenia. È ospite di gallerie pubbliche e private, biblioteche, università e grandi tenute, che nel tessuto del Collio goriziano offrono luoghi di impatto storico e di forte legame con il territorio.
Le sue opere raccontano storie e passioni che rendono unico il nostro territorio. «Sono la materia che dona forma alla memoria». Così, i lavori dell’artista di Romans d’Isonzo sbarcheranno a Parigi. Dipinge con le pietre del Carso, tesse arazzi rigorosi nei quali trama e ordito sono schegge lapidee. Nelle sue opere ci sono la forza di un territorio aspro e affascinante e l’intensità di un passato intriso di storia della Grande Guerra, di sofferenze di uomini e donne. La storia umana e artistica del goriziano Enzo Valentinuz di Romans d’Isonzo è fortemente legata all’intensità della materia, al fascino atavico del territorio e alla cultura friulana. Le sue ultime opere sono inconfondibili e difficilmente definibili: mosaici di pietre, altorilievi, pitture-sculture, composizioni di segni e figure dai colori puri. La sua esperienza umana e artistica è strettamente legata alla sua terra: dal Carso isontino-giuliano alla cima italo-slovena del Matajur, dalla longobarda Cividale del Friuli al monte Sabotino, teatro delle battaglie della Grande Guerra. «Le pietre che io raccolgo nelle mie lunghe passeggiate – spiega Valentinuz – raccontano culture e lingue diverse, ma allo stesso tempo sono materia e ispirazione per dare forma alla memoria, tracciare i segni dei miei pensieri». Ne nascono opere dai linguaggi ora fantastici ora reali. Artista di formazione accademica, iniziata all’Istituto d’arte di Gorizia con Cesare Mocchiutti, Mario Sartori e Dino Basaldella e proseguita all’Accademia di Belle Arti di Venezia con Bruno Saetti e Carmelo Zotti, Valentinuz esprime la concretezza di mani sapienti che conoscono l’arte antica dell’affresco e dei graffi ti su intonaco, tecniche del passato, impegnative nella realizzazione che lui ha fatto rinascere, innervandole di nuova energia e significati. Lavori contraddistinti da colore e materia, campiture monocrome e contrastanti di luce e ombre.
http://www.seghizzi.it